GIRONE EST

Verso Bergamo-Fortitudo, testa-coda che nessuna delle due può sbagliare.

08.03.2018 10:34

a cura di daniele Ronzoni

Nel posticipo della 23^ giornata di Serie A2 Old Wild West andrà in scena la classica sfida tra chi è in vetta alla classifica, la Consultinvest Bologna, e chi invece occupa la posizione di fanalino di coda del girone Est, ossia la Bergamo Basket. I ragazzi di coach Boniciolli sono reduci dall’eliminazione in semifinale di Coppa Italia subita per mano dell’Orasì Ravenna (78-62 il punteggio), ma in campionato sono primi a quota 34 punti (17V 5P) e hanno una striscia di 5-0 nelle ultime 5 partite; i bergamaschi invece, dopo il delicato match perso contro Roseto al PalaMaggetti, si sono fatti raggiungere proprio dagli Sharks all’ultima posizione a quota 8 punti, in coabitazione con Orzinuovi.
I gialloneri arrivano a questo complicato match con una veste nuova: in panchina, infatti, dopo l’esonero di Cesare Ciocca, siede Giancarlo Sacco, che non avrà più a disposizione né MascherpaSanna, ma potrà contare sul giovane talento di Marco Laganà, arrivato da Latina. Ferri e compagni dovranno stare attenti al duo Cinciarini-Mancinelli, autori di 25 punti di media in due; il roster bolognese è comunque di prim’ordine, con McCamey, Rosselli, Amici, Fultz e gli altri giocatori della Effe tutti capaci di far male in più di una situazione. La Fortitudo, dal canto suo, dovrà prestare attenzione all’esperienza di Hollis (reduce dai 25 punti messi a referto nell’amichevole contro Treviso), alle triple di Fattori e al talento, secondo alcuni ancora del tutto inespresso, di Gelvis Solano; inoltre, occhi puntati anche sul neo acquisto Laganà, che vorrà sin da subito impressionare il suo nuovo pubblico.
In dubbio in casa Bologna la presenza di capitan Mancinelli, aggregatosi ai compagni solo negli ultimi giorni dopo aver saltato la kermesse di Coppa Italia di Jesi; sicura, invece, l’assenza di Sylvere Bryan per via della rottura del legamento crociato anteriore sinistro nel corso della Final Eight che, di fatto, ha già posto fine alla stagione del centro dominicense naturalizzato italiano.

Gli arbitri dell’incontro saranno i signori Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VR), Daniele Alfio Foti di Vittuone (MI) e Daniele Yang Yao di Vigasio (VR). All’andata (8 a giornata di campionato) i padroni di casa si imposero 68-62 al PalaDozza: miglior in campo per i padroni di casa furono Legion con 18 punti (ora passato a Mantova), McCamey, autore di 14 punti e Mancinelli (7 punti e 11 rimbalzi); per la BB14, invece, Solano con 21 punti e 7 assist, e Zohore, autore di una doppia doppia da 13 punti e 12 rimbalzi.

PAROLA AI PROTAGONISTI

Michele Ferri (playmaker e capitano della Bergamo Basket 2014): «Contro Bologna sarà una partita difficile: la Fortitudo è una delle squadre di maggior prestigio di questa Serie A2. Per noi è un momento delicato, con alcuni giocatori che sono usciti e con dei nuovi arrivati, tra cui il coach stesso. Il tempo a disposizione è poco: dovremo rimanere uniti mettendo entusiasmo ed energia per contrastare la loro forza».

Stefano Comuzzo (vice allenatore della Consultinvest Bologna): «Riprendiamo il campionato con una sfida delicata. Innanzitutto perché a fine stagione regolare andiamo in casa di chi ha bisogno di punti salvezza, e poi perché arriviamo a metà settimana dopo una Coppa Italia che porta via molte energie. Non sappiamo che tipo di squadra incontreremo: Bergamo è ferma da 20 giorni, ha inserito un americano importante come Hollis, un giocatore come Laganà, e un nuovo allenatore come Sacco. Potrebbero aver cambiato tutto il sistema, e per noi è un salto nel buio. Dovremo essere maturi, pronti a cambiamenti in corsa, e su questo si giocherà gran parte del risultato. È una situazione nuova per tutti: loro in 20 giorni si saranno preparati molto più di quanto non si faccia nella norma. Per questo motivo, la partita molto è più difficile di quanto non dica la classifica».

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

Bergamo, presentato il nuovo coach Giancarlo Sacco.
Reggio Calabria, tutto nasce da una controversia con una ditta esterna.