Il focus sulla Bakery Piacenza.

La Bakery Piacenza torna in A2 puntando su un asse play pivot che definire esperto è poco.

01.09.2018 18:00

a cura di Alessio Scandola

Il Roster

 

Nome

Anno

Ruolo

Squadra precedente

Statistiche per partita

Marques Green

1982

Playmaker

Jesi (A2 Est)

11.2 pt, 7.9 ass, 37% da 3

Andrea Pastore

1994

Guardia

Latina (A2 Est)

9.2 pt, 3 ass

Riccardo Castelli

1988

Ala

Forlì (A2 Est)

8.3 pt, 4.9 rim

Michael Fraser

1984

Ala Grande

Rosa Radom (Polonia)

5.5 pt, 6.8 rim

Andrea Crosariol

1984

Centro

Cantù (Serie A)

8.4 pt, 3.8 rim

Riccardo Pederzini

1989

Ala Piccola

Confermato

14.8 pt, 3.7 ass, 38% da 3

Davide Liberati

1992

Playmaker

Confermato

5.2 pt, 2 ass, 1 rec

Riccardo Perego

1981

Ala Grande

Confermato

14.4 pt, 6.4 rim

Alessandro Buffo

1999

Playmaker

Moncalieri (Serie B Gir. A)

6 pt, 1.9 ass, 1.9 rim

Kurt Cassar

1999

Centro

Stella Azzurra (Serie B Gir. D)

6 pt, 5.1 rim

Filippo Guerra

1997

Playmaker

Confermato

3.3 pt, 1.1 rim

 

Coach: Claudio Coppeta (confermato),

Vice: Filippo Casella, Andrea Fanaletti.

Lo Scorso Anno

Dopo il secondo posto in Regular Season in serie B girone B, la Bakery vinse il proprio tabellone playoff, per poi battere Cassino ed aggiudicarsi la promozione in A2.

Il commento

La Bakery Piacenza torna in A2 ancora con Claudio Coppeta come coach e lo fa puntando su un asse play pivot che definire esperto è poco: Marques Green e Andrea Crosariol sono infatti due tra i giocatori più conosciuti nel panorama cestistico nostrano e rappresentano grandi colpi per la squadra emiliana. Anche l’acquisto di Fraser garantisce presenza sotto le plance, mentre la firma di Pastore e Castelli completa un buon quintetto. Quattro le conferme dalla scorsa stagione, con a spiccare Pederzini, lo scorer, e l’espertissimo Perego (per lui il debutto in A2 fu a Messina nella stagione 2000/01), mentre Liberati e Guerra si alterneranno come riserve in cabina di regia. Due promesse come Buffo e Cassar, che l’anno scorso sono stati più che protagonisti nelle loro squadre in B, sono chiamate al salto di categoria per misurarsi con un livello qualitativamente migliore.

Top e Flop

È l’asse play – pivot il TOP per la Bakery: non saranno quelli di 10 anni fa, ma Green e Crosariol sono una garanzia. Il FLOP invece è rappresentato dal debutto in serie A2 per buona parte dei giocatori e, se si esclude la stagione di 3 anni fa, anche per il coach.

La previsione

Molto semplice prevedere che l’obiettivo sia la salvezza per gli emiliani, anche se molto probabilmente faticheranno, raggiungendola solo verso la fine o addirittura attraverso i playout.

Voto: 5,5

Assigeco, lesione del crociato per Stefano Bossi.
Stings Mantova, dopo la "rivoluzione", si sognano i playoff.