GIRONE OVEST

La Virtus Roma non sbaglia il primo match point.

14.04.2019 21:54

a cura di Edoardo Caianiello

Una serata perfetta, niente di diverso in casa Roma. Vittoria, un pubblico numeroso e rumoroso (3.111 i tagliandi venduti), cinque uomini in doppia cifra e gloria anche per i giovani che durante l’anno hanno lasciato spazio ai compagni più esperti, con Lucarelli che segna una tripla che è davvero la ciliegina su una torta tutta da gustare. Palla che si muove in attacco e gambe che reagiscono in difesa, una serata luminosa che lancia i primi in classifica verso una delle settimane più importanti della sua storia recente. E nella settimana più importante dell’anno Marco Santiangeli risponde presente, Sandri in attacco regala una partita di enorme spessore e Prandin è una ventata che fa bene a tutti. Nulla da dire sui soliti Landi e Sims con un Moore degno di nota. Ora sei giorni di lavoro, la palla a due di sabato (ore 20.30) a Legnano chiuderà nel bene o nel male un’annata, che tutti sperano che siano assolutamente, nel bene.

LA PARTITA. Roma parte con una palla persa ma da quel contropiede non si volterà più indietro. Il primo mini allungo è guidato da Sims che segna e subisce il fallo (15-9) ma è Tavernari con una tripla ad accorciare le distanze (15-12). Santiangeli con un paio di tiri dalla lunga distanza porta i padroni di casa avanti di dieci lunghezze (26-16), e dopo dieci minuti è 29-19. Contento e poi Rossato, risponde Sandri (31-23) ma Scafati prova ad accorciare le distanze: a Roma ogni azione elegge un protagonista e così Chessa e poi Alibegovic segnano, è 41-29. Baldasso risponde a Thomas (43-31) e Moore chiude il primo tempo, 49-36. Il terzo quarto vede Roma in pieno controllo ma si alza il livello nervoso e fisico della partita, colorato dal fischio di tre falli tecnici (due per i romani, uno per gli ospiti). Prandin segna, Tavernari segna due canestri consecutivi (60-40) ma poi si scatena Moore e dopo trenta minuti è 73-45. Il quarto ed ultimo periodo è uno scorrere del tempo senza storia, con i campani che provano in maniera “silenziosa” a tornare in partita ma la Virtus è cinica e ricaccia indietro gli avversari, amministrando senza difficoltà. Una tripla di Lucarelli chiude il match, termina 91-64.

VIRTUS ROMA – GIVOVA SCAFATI 91-64

Virtus Roma: Spizzichino, Alibegovic 6, Lucarelli 3, Chessa 3, Moore 16, Sandri 12, Baldasso 2, Landi 14, Prandin 5, Sims 17, Matic, Santiangeli 13. All: Bucchi

Givova Scafati: Tommasini 6, Goodwin 3, Passera, Romeo 9, Contento 12, Ammannato 8, Pavicevic 2, Rossato 3, Solazzi, Thomas 11, Tavernari 10. All: Lardo

Roseto supera Ferrara ed agguanta il sesto posto.
La Effe festeggia il ritorno in A, Roseto l'accesso ai playoff.