GIRONE EST

Super Hasbrouck (47 punti) trascina Jesi. Bergamo cade in casa!

La BB14 perde l’occasione di sorpassare Orzinuovi in classifica.

13.02.2018 07:47

a cura di Daniele Ronzoni

Termina 86-99 in favore degli ospiti il posticipo della 21esima giornata di Serie A2 Old Wild West, la sesta del girone di ritorno. Al PalaNorda i ragazzi di coach Ciocca non riescono a ripetersi dopo la preziosa vittoria ottenuta all’overtime contro Piacenza: Hasbrouck e compagni sono troppo forti e confermano le buone sensazioni offerte nelle ultime gare. Da quando è arrivato Marques Green, infatti, la Termoforgia Jesi ha vinto 4 delle ultime 5 partite, perdendo solo contro Treviso all’ultimo secondo.

È di Solano il primo canestro del match, che ruba palla e conclude il contropiede schiacciando. Ma il vantaggio dura poco: Marini prima e Hasbrouck poi ribaltano il punteggio permettendo agli arancioblù di portarsi sul 6-2. Bergamo ha poche idee in attacco, e spesso si affida al duo Hollis-Solano: i due realizzano 13 dei 19 punti totali dei gialloneri nei primi 10’. Dall’altra parte, Marini chiude il primi quarto già in doppia cifra: il tabellone dice 13 punti per lui, frutto di un 2/3 da due e di tre triple. Sulla sirena, Hollis – da oggi in campo con la casacca numero 88 (indossava la 30 solo perché quella da lui richiesta non era ancora disponibile) – avrebbe fra le mani la palla del possibile -3 ma sbaglia il tiro e il primo quarto termina 25-19 per gli ospiti. I secondi 10’ sono un’autentica lezione di pallacanestro spiegata da Kenneth Hasbrouck, che indirizza quarto – e partita – a favore degli arancioblù. La guardia classe ’86 realizza da solo 21 dei 27 punti totali di Jesi del secondo quarto (gli altri 6 portano la forma di Piccoli) con percentuali incredibili: 4/4 da due, 4/4 da tre e 1/1 ai liberi (concesso per fallo tecnico nei confronti di Mascherpa). Un 100% di realizzazione che metterebbe in ginocchio chiunque, e che consente a Jesi di portarsi fino al +18 con cui si va negli spogliatoi sul punteggio di 52-34. Bergamo rimane a galla grazie ai 5 punti a testa messi a segno da Hollis e Sergio, ma in difesa Hasbrouck è immarcabile e il risultato è devastante.

Il terzo quarto si apre come si era chiuso il secondo: Hasbrouck prima penetra senza grossi problemi e poi piazza la tripla del +23, massimo vantaggio arancioblù. Bergamo risponde con le triple di Fattori e con le giocate di Solano (9 punti nel terzo quarto), ma dall’altra parte, ai 12 punti di Hasbrouck (che lo portano a 38 in 25 minuti) si sommano a quelli di Green, Rinaldi, Marini e Piccolo. Bergamo ci mette molta intensità, ma non riesce mai a portarsi sotto alla doppia cifra di svantaggio. Il terzo quarto termina 76-57 con una tripla di capitan Ferri sulla sirena. Gli ultimi 10’ riservano poche emozioni: Bergamo segna e fa vedere di non voler arrendersi, ma Jesi non cala a livello psicologico e risponde punto su punto. Poco importa se un giocatore come Ihedioha, con una media punti di 10.9 a partita, si sblocca solo a 5’ dalla fine: il risultato è già in cassaforte. Bozzetto piazza 10 dei suoi 12 punti totali, Solano raggiunge quota 24 punti personali ma il protagonista della serata è solo uno: Kenneth Hasbrouck, applaudito da tutto il PalaNorda al momento del suo cambio, autore di 47 punti. Da segnalare anche gli 11 assist di Green, superiori all’interno numero di assist fatti dalla BB14. La partita termina 86-99 per Jesi, che raggiunge Imola, Ferrara e Mantova quota 11V 10P; Bergamo, invece, rimane penultima a 4V 17P.

Nel prossimo turno di campionato Bergamo andrà a far visita ai Roseto Sharks: al PalaMaggetti andrà in scena una partita molto importante per quanto riguarda le zone basse della classifica. Impegno in trasferta anche per la Termoforgia Jesi: i ragazzi di coach Cagnazzo andranno al PalaSavelli per affrontare la quinta forza del campionato, la XL Extralight Montegranaro (13V 8P).

I MIGLIORI Per Bergamo: Solano (24 punti, 3 schiacciate), Hollis (14 punti, 7 rimbalzi), Bozzetto (12 punti, 8 rimbalzi). Per Jesi: Hasbrouck (47 punti), Marini (20 punti, 6 rimbalzi), Green (9 punti, 11 assist).

GUARDA IL VIDEO DELLE AZIONI E LA SALA STAMPA

La Effe è rifiorita... partiamo dal seme: il 28 dicembre 2017.
Verona, la Scaligera smentisce il trasferimento di Ikangi a Rieti.