GIRONE EST

Bergamo fa il colpaccio: batte Montegranaro e lascia l’ultimo posto.

12.03.2018 03:14

a cura di Daniele Ronzoni

Bergamo supera Montegranaro e centra la seconda vittoria esterna dall’inizio del campionato, compiendo al PalaSavelli una vera e propria impresa: lo è sia perché arriva contro la terza in classifica, sia perché i ragazzi di coach Ceccarelli sono il secondo miglior attacco del girone Est, ma soprattutto perché i gialloneri sono riusciti ad ottenerla senza la presenza in campo del loro capitano, Michele Ferri, uscito malconcio dalla sconfitta contro Bologna a causa di un colpo allo zigomo destro e per questo motivo relegato in panchina per 40’. Montegranaro, dopo le due vittorie consecutive ottenute contro Jesi e Orzinuovi, si fa raggiungere in classifica da Udine (vincente a Piacenza 55-62) e da Treviso (vincente in casa contro Ferrara 74- 60); Bergamo, invece, torna al successo dopo quattro ko consecutivi e, complici le contemporanee sconfitte di Orzinuovi (96-82 a Forlì) e Roseto (87-91 in casa contro Trieste), abbandona l’ultimo posto in classifica.

Il match parte in maniera molto equilibrata, con entrambe le squadre che si rispondono reciprocamente colpo su colpo: i primi 10’ potrebbero terminare in parità e non ci sarebbe nulla di strano, ma Hollis a fil di sirena mette a segno il suo nono punto personale permettendo a Bergamo di chiudere il primo quarto in vantaggio 19-21. I gialloneri iniziano il secondo quarto con molta grinta e, a dispetto del ridotto numero di rotazioni, riescono a mantenere il vantaggio trovando di volta in volta la giusta chiave per scardinare la retroguardia marchigiana: ad Amoroso e Rivali rispondono Sergio e Bozzetto, e i canestri di Zucca e Laganà fissano il punteggio sul 38-42 con cui si va negli spogliatoi.  La seconda frazione di gioco si apre con un break firmato LaMarshall Corbett: la guardia americana mette a segno 5 punti di fila, mettendo pressione a Bergamo. Ci pensa però Laganà a caricarsi sulle spalle la squadra, realizzando due triple consecutive che permettono ai gialloneri di allungare sul +7. Si apre una sfida nella sfida, quella fra Hollis e Amoroso: il primo segna, solo nel terzo quarto, 14 dei suoi 25 punti totali, mentre il secondo ne mette a referto 10 su 20 complessivi.

Il terzo quarto termina con un allungo ospite frutto dei liberi di Hollis e Laganà, che consentono alla BB14 di tenere la testa avanti 59-66. Il fallo antisportivo fischiato a inizio ultimo quarto contro Bozzetto consente a Powell e compagni di portarsi sul -2, ma in questo momento di difficoltà sale in cattedra Gelvis Solano che realizza due triple pesanti che consentono a Bergamo di trovarsi sul 66-74. Corbett e Powell sono gli ultimi a mollare, ma anche loro devono gettare la spugna quando Solano mette a segno la tripla del +7, che di fatto chiude la partita. Gli ultimi canestri portano la firma di Sergio, che mette a segno un 2/2 a cronometro fermo. Finisce 79-85 per Bergamo: coach Sacco può ritenersi soddisfatto dei suoi giocatori; un po’ meno coach Ceccarelli, visto che la sua squadra non ha mai impensierito più di tanto una BB14 arrivata a Porto San Giorgio già in emergenza.

Dopo aver disputato due partite in meno di 72 ore, coach Sacco avrà ora a diposizione un’intera settimana per preparare al meglio la partita contro Imola; Montegranaro, invece, dovrà cercare di risollevarsi sin da subito, ma quella di Mantova sarà una trasferta difficile poiché anche gli Stings sono a caccia di punti che le permettano di poter ancora sperare nei play-off.

MONTEGRANARO: Angellotti ne, Rivali 6, Campogrande 9, Maspero 3, Treier, Zucca 4, Cimini ne, Corbett 21, Amoroso 20, Powell 13, Altavilla ne, Gueye 3. All.: Ceccarelli.

BERGAMO: Solano 13, Cazzolato 1, Laganà 16, Ferri ne, Bedini ne, Magni ne, Fattori 13, Bozzetto 4, Sergio 13, Augeri ne, Hollis 25. All.: Sacco.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

Si interrompe al PalaVerde la striscia di Ferrara. Treviso si riscatta dopo Verona.
Rieti cade ad Agrigento! I siciliani si prendono l'ottavo posto ai danni della NPC.