Roseto sbanca il PalaFacchetti dopo un overtime e ribalta il fattore campo.

28.04.2019 21:19

a cura di Leonardo Mariano

Vittoria per la Cimorosi Roseto in Gara-1 dei Playoff di Serie A2. La squadra abruzzese sbanca il PalaFacchetti di Treviglio, al termine di una partita dura e tiratissima. È servito un overtime per cristallizzare il punteggio sul 73-75 in favore della truppa di coach D’Arcangeli, che così si porta in vantaggio 0-1 nella serie e ribalta il fattore campo.

Polveri bagnate per entrambe le squadre per tutto i 45 minuti in campo, con tanti errori e troppi falli a spezzettare il gioco. Nella prima frazione, la brillantezza di Caroti e l’altezza di Borra sono un problema che Roseto non riesce a disinnescare a causa dei continui pick and roll, che il lungo, ex Roseto, finalizza quasi sempre grazie alla sua ingombrante presenza in area. Per Roseto, Rodriguez dà quel guizzo in più in attacco, al posto di un abulico Nikolic, che la tiene a contatto con i padroni di casa.

Il secondo quarto viaggia sulla falsariga del primo, ma il terzo fallo di Borra priva coach Vertemati del suo totem nel pitturato per tanti minuti e la fluidità offensiva di Treviglio ne risente. Partita che viaggia sul filo dell’equilibrio, con le due compagini che si rispondono colpo su colpo, lottando anche sotto i tabelloni, dove Sherrod e compagni trovano pane per i propri denti, non riuscendo sempre a capitalizzare i tanti secondi tiri a disposizione.

Al rientro dagli spogliatoi Treviglio è ancora in difficoltà al tiro, mentre Roseto rientra bene e con un parziale di 0-8 (37-43) prova la fuga. Caroti e Roberts non ci stanno e con canestri importanti, e fortunosi, Treviglio resta in scia. Controbreak di 10-2 e partita di nuovo sui binari dell’equilibrio. Roseto da +9 si fa recuperare in un amen, segno che nei playoff non puoi distrarti un attimo.

L’ultimo quarto è all’insegna dei nervi, si segna poco e gli Sharks fanno una fatica enorme dall’arco dei 6.75, prima che una fondamentale tripla di Person rimetta quasi tutto in pari, dopo un mini-allungo di Treviglio grazie a Reati. La grande schiacciata di Akele regala il vantaggio a Roseto (66-68) a 17 secondi dal termine della gara ma il Nikolic di casa segna il pareggio negli istanti finali, sbagliando il tiro libero supplementare che avrebbe dato il vantaggio ai suoi. Nelle ultime due azioni errori da una parte e dell’altra e la partita finisce all’OT.

Nel supplementare, probabilmente, l’esperienza di Roseto (che ne ha giocati 6 in regular season) si fa sentire e, seppur ancora il gioco di entrambe le compagini sia stato viziato da tanti errori, la freddezza di Rodriguez nei tiri liberi e il canestro di Person nel finale fanno la differenza, regalando così alla Cimorosi il primo punto nella sfida contro Treviglio.

TREVIGLIO 73 ROSETO 75 dts

Parziali: 18-16; 37-35 (19-19); 53-54 (16-19); 68-68 (15-14), 73-75 (5-7).

TREVIGLIO: Nikolic M. 14, Reati 9, Caroti 15, Tiberti, Roberts 17, D’Almeida 2, Manenti ne, Borra 14, Siciliano ne, Belotti ne, Tourè ne. All.: Vertemati

ROSETO: Person Jr. 11, Bayehe 2, Rodriguez 15, Ianelli ne, Canka, Motta ne, Giordano ne, Eboua, Sherrod 20, Akele 19, Pierich 5, Nikolic L. 3. All.: D’Arcangeli

Treviglio - Tiri da 2: 11/26. Tiri da 3: 10/37. Tiri liberi: 21/30. Rimbalzi: 42 (29+13).

Roseto - Tiri da 2: 28/62. Tiri da 3: 3/19. Tiri liberi: 10/15. Rimbalzi: 50 (29+21).

MVP: Nicola Akele – In una serata in cui i tiratori di Roseto fanno una fatica enorme a centrare il canestro, il jolly biancazzurro è il più costante, con ottime percentuali dal campo. Giustamente coach D’Arcangeli lo lascia 40 minuti sul parquet e lui lo ripaga con una prestazione totale. Proprio quella che serviva ai suoi Sharks. ONNIPRESENTE.

Photo Credits: Daniele Capone

Pari e patta nella prima tra Virtus Roma e Fortitudo Bologna.
Bergamo, buona la prima. Ma quanta fatica contro Mantova.