GIRONE EST

Treviso porta a casa l’ottava vittoria di fila,Ravenna lotta ma cede dopo trenta minuti.

22.12.2018 23:16

a cura di Francesco Cernetti

Dopo un inizio molto complicato,Treviso riesce a prevalere alla lunga grazie alla maggiore profondità del roster contro un’ottima Ravenna. L’inizio gara è tutto a favore degli ospiti,che si portano rapidamente sull’8-0,dominando a livello fisico i biancocelesti nella metà camo difensiva,costringendo la De’ Longhi a 5 azioni offensive consecutive una più confusa dell’altra. Di conseguenza,dopo soli 3’ di gioco,coach Menetti è costretto a chiamare timeout per riorganizzare le idee. Wayns è l’autore del primo canestro di marca trevigiana,Tessitori prova a svegliare il Palaverde con una bella stoppata su Adam Smith ma Treviso rimane imbrigliata nell’ottima difesa imbastita da coach Mazzon. Burnett ha l’occasione per svoltare l’inerzia subendo un fallo antisportivo da parte di Gandini,ma uno 0/2 ai liberi e l’ennesima banale palla persa sul possesso successivo permette a Ravenna di aumentare il vantaggio col terzo canestro personale di Cardillo. Una fiammata offensiva permette alla De’ Longhi di portarsi sul -3,prima che un 2/2 di Montano e un ½ di Hairston fissino il punteggio dei primi dieci minuti sul 10-16. Nel secondo quarto i padroni di casa iniziano sulla falsa riga del primo con un turnover,prima che inizi lo show personale di Wayns(autore di 11 punti nel secondo periodo,frutto di 3 bombe e un 2/2 ai liberi). Dopo 16 minuti di gioco è Tessitori a firmare il primo vantaggio TVB nel match e,dopo un bel fadeaway di Laganà,è Treviso a stringere le maglie difensive,volando sul +12 con un gioco da 3 punti di Alviti,servito sotto canestro da una bella palla di Wayns. Gli ospiti non mollano e,complici anche due perse di Imbrò dovute a un ottimo pressing tuttocampo,chiudono il primo tempo sotto di soli 6 punti (37-31) quando sembrava che Treviso avesse piazzato la zampata decisiva.

Dopo l’intervallo lungo è ancora Treviso a provare a dare la spallata decisiva,grazie a un Tessitori in grande spolvero,autore di 6 punti in pochi minuti. Dopo il timeout chiamato dagli ospiti su 46-34 Ravenna si riavvicina sul -7,prima che la partita diventi eccessivamente fisica secondo gli arbitri,con gran parte dei punti segnati arrivati nel terzo periodo dalla lunetta. Una tripla in stepback di Imbrò sembra mettere Treviso sul +13 prima del 4° periodo,Uglietti però commette fallo sulla preghiera sulla sirena di Montano,che realizza tutti e tre i liberi a disposizione,fissando il punteggio sul 58-48. Lo stesso Montano rimette gli ospiti sotto la doppia cifra di svantaggio,prima di favorire due giochi da tre punti per Treviso,uno non trasformato da Antonutti,l’altro concluso da Imbrò. Da questo momento in poi la De’ Longhi diventa padrona della partita,con Ravenna che non riesce più a reagire e crolla fino all’85-62,subendo un 27-14 negli ultimi dieci minuti del match.

Treviso soffre ma ottiene l’ottava vittoria consecutiva,agganciando temporaneamente la Fortitudo,spinta dal trio Tessitori-Burnett-Wayns,autori di 51 punti sugli 82 totali dei biancocelesti. Ravenna lotta e rimane attaccata nel punteggio per trenta minuti,prima che la profondità del roster trevigiano prevalga sulla “garra” degli ospiti,comunque protagonisti di una prova incoraggiante per il proseguo del campionato.

Treviso passa anche al PalaMaggetti. Settima vittoria in fila per la De Longhi!
Treviglio regge 15 minuti, poi è solo Virtus Roma.