GIRONE OVEST

Bergamo, esordio casalingo stellare: Virtus Roma costretta ad arrendersi 81-59.

Dopo due quarti equilibrati, al rientro in campo dopo l’intervallo lungo i bergamaschi dominano i capitolini.

14.10.2018 16:00

a cura di Daniele Ronzoni

Nemmeno il più ottimista tifoso della BB14 si sarebbe aspettato un esordio casalingo di tali proporzioni: nella prima partita del PalaAgnelli (ex PalaNorda), i gialloneri padroni di casa impongono alla Virtus Roma una pesante sconfitta, maturata negli ultimi due quarti dopo un primo tempo molto equilibrato.

Il primo canestro del match è di marca giallonera e lo firma capitan Sergio. Si accende poi la Virtus che piazza un mini-parziale di 3-7 prima che la partita entri in una fase di stallo: Bergamo fatica a far circolare palla, Roma tira con basse percentuali di successo. La sblocca Fattori da dietro l’arco (8-7) a cui risponde Sims, il più pericoloso dei suoi nei primi 10’ tanto da obbligare coach Dell’Agnello a richiamare Zucca in panchina per tre falli, tutti spesi sul 21 della Virtus. Sono proprio due liberi di Sims a chiudere il primo quarto sul punteggio di 15-15.

In avvio di secondo quarto la BB14 guadagna sei lunghezze di vantaggio (26-20) ma poi subisce il ritorno capitolino culminato col canestro di Sims (28-29) e poi allungato dalla tripla di Baldasso. Fattori e Casella provano a ricucire lo svantaggio ma Baldasso si dimostra una spina nel fianco della difesa giallonera e impedisce ai padroni di casa di avvicinarsi. Una tripla di Casella seguita dal 2/2 ai liberi di Benvenuti permettono alla BB14 di mettere la testa avanti, ma Baldasso e Santiangeli portano la Virtus a +2 (37-39).  A 10’’ dalla fine, Roderick viene prima stoppato due volte da Sims e realizza poi il canestro (il suo primo nei 20’ di gioco) del 39-39 con cui si va negli spogliatoi.

Bergamo torna meglio in campo e si porta avanti ma viene subito ripresa. Per i gialloneri si sblocca anche Taylor, che prima realizza una tripla e nell’azione successiva fa 2/3 ai liberi (44-49). Da questo momento in poi la Virtus non riesce più a colmare il gap, e anzi subisce senza reagire: la tripla di Sergio porta i gialloneri alla doppia cifra di vantaggio (56-46) e poi è Roderick ad allungare sul +12 con una schiacciata che fa esplodere il PalaAgnelli. Il terzo quarto termina col buzzer beater fallito da Casella con un tiro dalla propria metà campo.

L’ultimo quarto è dominato da Taylor: il numero 11 giallonero inizia l’ultima frazione rubando 2 palloni di fila a Sims e realizzando tre triple consecutive e un 2/2 ai liberi che portano i gialloneri sul 66-48. Moore e compagni sembrano spariti dal campo e la BB14 si porta addirittura sul +27 (52-79). Gli ultimi minuti servono soltanto a definire le statistiche; per la BB14 saranno ben sei gli uomini in doppia cifra (Casella, Roderick, Taylor, Fattori, Sergio, Benvenuti), con Terrence Roderick addirittura in tripla doppia visti i 10 punti, 10 assist e 21 rimbalzi.

La partita termina 81-59 e i tifosi di Bergamo sognano già in grande, come dimostra il coro “salutate la capolista” alzatosi a fine partita dalla curva giallonera; i supporter della Virtus, invece, escono dal PalaAgnelli con un po’ di preoccupazione, non tanto per la sconfitta (accettabile considerando che siamo a inizio campionato) quanto per la maniera in cui è maturata.

Bergamo Basket 2014 81 – 59 Virtus Roma (15-15, 24-24; 19-7, 23-13)
BERGAMO: Augeri (0), Casella (12), Roderick* (10p + 10a +21r), Bedini (0), Taylor* (20p + 4a), Fattori* (10), Zucca (2), Sergio* (10), Marelli (0), Benvenuti* (11), Zugno (6).
VIRTUS ROMA: Alibegovic (0), Lucarelli (n.e.), Chessa (6), Moore (6), Sandri (3), Baldasso (10), Saccagi (0), Landi (8), Sims (18p + 14r con 8 falli subiti), Santiangeli (8).

Esordio con vittoria per gli Sharks al PalaMaggetti.
Forlì soffre, lotta e vince con la tripla di Marini a 7" dal termine.