GIRONE EST

Continua l'imbattibilità del Ruggi. Roseto dura 20 minuti.

25.02.2018 20:58

a cura di Leonardo Mariano

Vince una partita brutta l’Andrea Costa Imola contro i Roseto Sharks con il punteggio di 84-73. I ragazzi di coach Di Paolantonio durano i primi 20 minuti, dove con un ritmo alto hanno messo in difficoltà i bianco-rossi che, probabilmente, non hanno messo subito in campo la giusta intensità mentale, permettendo a Roseto di tenere a galla il match fino all’intervallo lungo.

La pioggia di triple messa a segno da Alviti e compagni e l’alta percentuale avuta in campo, non hanno lasciato scampo agli abruzzesi, frastornati dai troppi tiri aperti, lasciando andare in doppia cifra di punti ben cinque giocatori avversari. L’assenza di Lupusor toglie all’allenatore teramano una rotazione fondamentale per mantenere alta l’intensità in difesa sui lunghi imolesi, soprattutto su Wilson che ha fatto pentole e coperchi sul parquet di casa sua, ma non dà alcun alibi alla sua squadra per la poca concentrazione avuta al rientro nel terzo quarto, periodo in cui Imola ha piazzato il break decisivo. Bravo in questo caso coach Cavina a toccare le giuste corde dei suoi negli spogliatoi.

Per Roseto il duo Carlino-Ogide, seppur combinando 41 punti, non è sembrato al top, sia nella forma fisica sia nel fervore messo in campo, soprattutto il primo autore di tanti tiri forzati. Le speranze di salvezza di Roseto passano indubbiamente dalla loro coppia di stranieri ma anche il resto della squadra dovrà alzare il proprio livello (le 19 palle perse sono un “male” da curare presto”), come fatto vedere nelle poche partite vinte in questa stagione, anche perché il calendario che si para davanti agli occhi di Casagrande and company è alquanto arduo e complicato.

I TABELLINI

ANDREA COSTA IMOLA: Maggioli 6, Prato 12, Wilson 17, Gasparin 10, Alviti 13, Bell 12, Penna 7, Rossi, Turrini ne, Toffali, Simioni 7, Cai ne.

ROSETO SHARKS: Marulli 7, Contento 13, Casagrande 3, Carlino 28, Di Bonaventura 3, Infante 6, Zampini, Ogide 13, Lusvarghi, Alessandrini ne.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

Tutto quello che devi sapere sulla Coppa Italia 2018.
Si ferma a Verona la rincorsa di Treviso. La Tezenis fa suo il derby!