GIRONE OVEST

Tutto facile per la NPC Rieti contro Cagliari.

La NPC ritrova il successo al PalaSojourner.

24.12.2017 16:25

 

a cura di Gaetano Laghetti

La NPC Rieti regala a se stessa e ai suoi tifosi un bel natale superando agevolmente la Pasta Cellino Cagliari per 84-70. Una vittoria molto più netta di quanto dica il punteggio finale. Prova ne è la sfuriata in conferenza stampa di coach Paolini “Chiedo scusa al Presidente, abbiamo giocato una partita orribile. Giocatori al primo anno in A2 non possono permettersi di giocare cosi, sentirsi gia ai playoff, giocando cosi finiremo per retrocedere, non è possibile dover chiamare timeout dopo un minuto, protestare in ogni occasione e lanciare palloni per aria immotivatamente prendendo falli tecnici. Rieti ha giocato una grande partita e ci ha dimostrato come giocare. Per qualcuno di noi che pensava già al Natale potrebbe pensare a fare la valigie e andar via.”

Le parole del coach sardo dicono tutto sul match, dominato da Rieti fin dai primi minuti, che non ha avuto un passivo molto più netto solo per le percentuali al tiro non eccelse della squadra guidata magistralmente da coach Rossi. La squadra reatina però, pur fallendo facili conclusioni, ha saputo dominare la partita sul piano fisico dell’aggressività e della reattività, mentre i sardi non hanno mai dato nemmeno l’idea di impensierire i padroni di casa.

La partenza è emblematica, tripla di Tommasini, Gigli domina il pitturato mentre Hearst è una spina nel fianco degli ospiti. L’unico sussulto sardo è quando si porta sul -1 (8-7), ma non c’è mai stata storia. Hearst realizza una tripla poi schiaccia la palla del 14-7. Rieti fallisce alcune facili conclusioni sottocanestro ma il dominio pare netto e incontrastato e si va al primo riposo sul punteggio di 23-11. Non cambia nulla nel secondo quarto anche se si inizia con un parziale di 5-1 per gli ospiti. Keene è sovrastato fisicamente da Hearst ed è impreciso al tiro, Stephens si batte ma soffre la fisicità di Olasewere e Gigli. E’ proprio l’altro americano di Rieti, l’ultimo arrivato, a mettere il suo sigillo al match con una serie di conclusioni dalla lunga distanza che non sono certo la specialità della casa. Alla fine per lui 28 punti con 3/5 dall’arco. Rieti vola sul 31-16, Tommasini è scatenato e Olasewere colpisce ancora da tre. La NPC vola sul 38- 23, Bucarelli e Rullo sono molto nervosi, mentre Keene si sblocca nel tiro da fuori e Stephens continua a dare battaglia ma è troppo solo sotto i tabelloni perché Allegretti e Ebeling giocano soprattutto fuori dall’area e Matrone appare inadeguato. Si va al riposo lungo con Rieti in vantaggio 43-32, vantaggio rassicurante ma non troppo ampio, che si spiega solo con le percentuali della squadra reatina (46% e 27% da 3) ma a fare la differenza è soprattutto la voce rimbalzi con Gigli già a quota 8.

Il terzo quarto scava la differenza decisiva: Olasewere realizza sette punti consecutivi, Hassan e ancora Olasewere vanno a segno dall’arco per il massimo vantaggio Rieti sul 58-39. Il lungo di origine nigeriana è letteralmente scatenato, ruba palla volando in contropiede per la schiacciata subendo fallo e mandando il pubblico in visibilio, ormai non c’è più partita. Nel finale di quarto l’unico sussulto nel palazzetto è provocato da Michele Ebeling, che sulla sirena realizza un incredibile canestro da centrocampo. Si va all’ultimo miniriposo con la NPC Rieti in vantaggio 65-49. Nell’ultimo quarto si gioca solo per lo scarto in vista di un eventuale arrivo in parrità, Rieti prova a allungarlo mentre Cagliari tende a ridurlo provando le conclusioni con Keene Ebeling e Allegretti. E’ proprio l’americano di Cagliari a trovare finalmente la via del canestro da 6,75 realizzandone 2 e riportando Cagliari sul -14 che diventa -12 grazie a Matrone a metà ultimo quarto. Hearst ripristina il +18 ma nel finale Rieti si rilassa leggermente, entrano il giovane reatino Melchiorri e Marini reduce da un lungo infortunio, la partita si conclude con il canestro dalla lunga distanza di Kenne che sigla il punteggio finale sul 84-70.

NPC RIETI: Melchiorri; Tommasini 15; Hearst 19; Savoldelli 4; Casini 9; Olasewere 28; Gigli 6; Marini; Carenza; Hassan 3; Annibaldi; Berrettoni.

CAGLIARI: Keene 21; Allegretti 8; Turel 3; Rullo 8; Ebeling 10; Matrone 2; Bucarelli ; Stephens 16 ; Rovatti 2; Angius

GUARDA IL 2017 DELLE 16 SQUADRE DEL GIRONE OVEST.

Gli Stings piazzano il poker! A Ravenna non basta un super Giachetti.
Ufficiale! Pierich all'Eurobasket, Poletti alla Scaligera.