GIRONE EST

Girone Est, il focus sui Roseto Sharks.

27.08.2018 19:09

a cura di Leonardo Mariano

Ancora una stagione in Serie A2 per i Roseto Sharks, che con un accordo biennale con la Stella Azzurra Roma, vogliono aprire un nuovo percorso cestistico, soprattutto a livello di settore giovanile. Infatti grazie alla partnership con la squadra capitolina, sono approdati in maglia biancazzurra giovani talenti del vivaio romano, oltre allo staff tecnico con a capo Germano D’Arcangeli e Raffaele Rossi, nuovo responsabile dell’Academy abruzzese.

L’organigramma societario, invece, ha visto l’aggiunta del General Manager Michele Martinelli, che ritorna dopo tanti anni a ricoprire un incarico nella dirigenza rosetana.

Ma andiamo a vedere i componenti del roster di questa stagione:

Germano D’Arcangeli: il nuovo coach degli Squali proveniente dalla Stella Azzurra Roma, dove ha svolto in questi anni un lavoro encomiabile, avrà il compito di valorizzare i giovani che avrà in squadra, ma che già conosce e non può che essere un valore aggiunto. Si riaffaccia in Serie A2 dopo la sfortunata stagione di Veroli, in un campionato che sarà ancora più difficile di quelli precedenti.

Brandon Sherrod: il primo nuovo acquisto è un gradito ritorno per i tifosi rosetani. Il centro bonsai (198cm) che due anni fa era tra le file dei biancazzurri, ha deciso di accettare l’offerta degli Sharks. Eccellente nel suo ruolo di pivot, miglior rimbalzista dell’A2 Ovest a Scafati lo scorso campionato, fa del pick n roll il suo punto di forza.

Yancarlos Rodriguez Made: play-guardia, classe 1994, l’italo-dominicano è stato un fromboliere in Serie B per la Stella Azzurra Roma, girando a 20 punti di media. Il sangue latino sicuramente lo aiuterà subito ad ambientarsi e a fondersi con il pubblico rosetano, che da sempre ama i giocatori “calienti”, come furono Jack Martinez od il più rencente Yankiel Moreno.

Simone Pierich: la chioccia del gruppo, classe 1981, che ha un’esperienza infinita del campionato di Serie A2 e che tanto potrà insegnare ai giovani in squadra. Giocatore che non teme di prendersi le responsabilità, è un’ala piccola naturale ma probabilmente giocherà più da “4” tattico, per poter aprire il campo con il suo tiro da fuori e lasciare spazio in area a Sherrod.

Lazar Nikolic: il nativo serbo sarà il play più alto del campionato, che con i suoi 203cm supera anche il centro titolare della squadra abruzzese. Classe 1999, prospetto NBA, è stato già allenato da coach D’Arcangeli nella Stella Azzurra, prima di espatriare negli States per l’esperienza con i Colorado Buffaloes. Giocatore con un’ottima comprensione del gioco, dovrà costituire con Sherrod un asse play-pivot di sicuro affidamento, sfruttando i vari mismatch a loro favore.

Abramo Penè: guardia/ala che con i suoi 16 anni sarà quasi sicuramente il più giovane del torneo di A2. Già nel giro della Nazionale Under 16 ha grandi qualità che hanno convinto coach D’Arcangeli a portarlo con sé a Roseto. Dotato di buon atletismo che gli dà la possibilità di attaccare il ferro, avrà minuti a disposizione per fare esperienza. Il suo idolo è Kobe Bryant, per mentalità e ferocia sportiva.

Nicola Akele: Ala di 203cm, ha militato nelle giovanili della Reyer Venezia per poi trasferirsi in America all’IMG Academy High School e poi ai Rhode Island Rams (Università scelta anche da un ex Roseto come Abdul Fox). Grande difensore e doti da saltatore per il ragazzo del 1995, che con i suoi piedi veloci può mettere in difficoltà lunghi e piccoli avversari. Dovrebbe essere lui il “4” titolare.

Wesley Person Jr.: Figlio e nipote d’arte, rispettivamente di Wesley Sr. (11 stagioni in NBA) e Chuck (14 stagioni in NBA) arriva in Italia con buone aspettative su di lui, viste le buone medie registrate in NCAA dove ha girato a quasi 18 punti di media, 3 rimbalzi e 2 assist. Il suo tiro da fuori e la possibilità di accendersi in breve tempo saranno fondamentali per le sorti di Roseto.

Paul Eboua: altro prospetto NBA il ragazzo nato nel 2000. L’ala camerunense (italiano di formazione), di 202cm, arriva anch’egli dalla Stella Azzurra per continuare il suo percorso di crescita con il coach capitolinom che gli darà la giusta dose di responsabilità e minutaggio.

Jordan Bayehe: sempre dalla Stella Azzurra l’altro camerunense che grazie al suo fisico può mantenere i mismatch in difesa e mettere in difficoltà gli avversari in attacco. Ama giocare più spalle a canestro e come Eboua è un ragazzo ancora da sgrezzare ma di belle prospettive.

Franko Bushati: il secondo senior che guiderà la truppa del giovane Roseto, metterà sul parquet qualità, grinta ed esperienza. Dopo la promozione in Serie A a Brescia, la scorsa stagione ha scelto Udine. Sarà l’ala piccola titolare nello scacchiere di coach D’Arcangeli, il quale punta molto sull’atleta italo-albanese. Inoltre è cresciuto anch’egli nella Stella Azzurra, accettando di buon grado la proposta fatta dagli Sharks.

 

Leonis Roma, ufficiale l'arrivo di Federico Loschi.
BB14, presentato Terrence Roderick Jr