GIRONE EST

Roseto vende cara la pelle ma la Poderosa conquista la sua 11^ vittoria in fila.

17.02.2019 20:37

a cura di Leonardo Mariano

La Poderosa Montegranaro non ferma la sua corsa e conquista l’undicesima vittoria consecutiva ai danni di una volitiva Cimorosi Roseto, che si arrende per 81-73.

Una partita non bella da entrambe le parti, con i padroni di casa che hanno mostrato comunque una solidità importante in campo e che ha fatto la differenza. Vittoria ancora più importante per Montegranaro alla luce dell’assenza dei suoi due play naturali, Palermo e Traini, ai box per infortunio, con coach Pancotto che fa di necessità virtù e piazza in cabina di regia, alternativamente, Corbett e Mastellari, ricevendo dal duo italo-americano una prova degna di nota. Soprattutto Corbett, in gare come quella odierna, ovvero tirate e complicate da sbrogliare, non ha mai paura di prendersi le giuste responsabilità, con tiri in faccia all’avversario od assist al bacio per i propri compagni, mostrando la via della gloria alla sua squadra.  La spallata decisiva al match c’è stata nel terzo periodo, quando Montegranaro, rientrata con la testa giusta dagli spogliatoi, piazza un parziale di 25-16 che ha tramortito Roseto.

Bravi comunque gli Sharks a vendere cara la pelle e a giocarsela fino alla fine, rientrando fino al -3 nell’ultima frazione di gioco, per poi subire il rientro della Poderosa che non ha più sbagliato negli ultimi istanti della partita. Stavolta la fisicità sotto canestro, specialmente di Simmons e Amoroso, e in più la difesa ben piazzata da Montegranaro, hanno bloccato la corsa dei biancazzurri sul parquet, che si sono dovuti trovare spesso ad attaccare a difesa schierata, facendo molta fatica soprattutto spalle a canestro, con Sherrod e Akele decisamente limitati, e nel tiro dalla lunga, con solo cinque centri. Tuttavia i giovani Sharks, pur interrompendo la propria striscia positiva di quattro vittorie, sembrano in salute e queste sono, sicuramente, le gare che faranno crescere e cementificare ancora di più il gruppo, che non esce affatto ridimensionato.

MONTEGRANARO 81 ROSETO 73

Parziali: 14-11; 35-33 (21-22); 60-49 (25-16); 81-73 (21-24).

MONTEGRANARO: Amoroso 10, Negri 8, Traini ne, Palermo ne, Simmons 12, Corbett 23, Mastellari 14, Testa 2, Treier 12, Petrovic, Angellotti ne. All.: Pancotto

ROSETO: Person Jr. 12, Bayehe 2, Rodriguez 9, Ianelli, Penè ne, Palmucci ne, Eboua 15, Sherrod 12, Akele 2, Pierich 12, Cocciaretto ne, Nikolic 9. All.: D’Arcangeli

Montegranaro - Tiri da 2: 16/28. Tiri da 3: 11/26. Tiri liberi: 16/26. Rimbalzi: 31 (28+3).

Roseto - Tiri da 2: 21/46. Tiri da 3: 5/17. Tiri liberi: 16/21. Rimbalzi: 32 (24+8).

MVP: La’Marhall Corbett – Un giocatore così lo vorrebbero tutti gli allenatori. È talmente fiducioso nei propri mezzi che non ha timore di prendersi la squadra sulle spalle e segnare i canestri decisivi, perché sa che è nato per quel ruolo. In attacco è disarmante quando punta il difensore e si alza per tirare, come se fosse un giorno di allenamento. L’assenza di Traini e Palermo lo rilega per tanti minuti nello spot da play e lui se ne esce smazzando 7 assist per la gioia di coach Pancotto. In più stasera ha avuto l’aiuto fondamentale anche da parte di Treier e Mastellari, fidi tiratori che tanto male hanno fatto a Roseto. LEADER

Credit Photo: Daniele Capone

Girone Ovest, risultati e classifica dopo la 22^ giornata.
Treviso regola Mantova dopo quindici minuti equilibrati.