Roseto si prende Gara 3 e torna in vantaggio nella serie con Treviglio.

04.05.2019 09:31

a cura di Leonardo Mariano

La Cimorosi Roseto fa sua gara-3 dei playoff battendo, al PalaMaggetti, 83-73 la Remer Treviglio. Ottima la prestazione dei padroni di casa che, dopo essere andati sotto di 10 nella seconda frazione, hanno la forza di reagire e di vincere una partita fondamentale. La serie si sposta sul 2-1 per gli Sharks che domenica avranno il match point.

Coach D’Arcangeli cambia ancora quintetto e mette dentro Ianelli per usufruire della sua duttilità difensiva ed infatti Roseto, ad inizio partita, è concentrata e sporca tanti palloni proprio con il suo giovane numero 9. In attacco gli Sharks vanno di pick n roll e la ricerca incessante dello schema produce il vantaggio di 12-8 a metà quarto. La compagine lombarda, però, è brava a tenere il passo e a non lasciarsi trasportare dal ritmo di casa e negli istanti finali della prima frazione la Remer, con Roberts, prova il primo mini-allungo sul 20-25 alla sirena.

Il copione del secondo quarto si collega al finale precedente e la compagine di coach Vertemati, grazie a canestri risolutori, scappa sul +10. Dall’altra parte, l’ingresso in campo di Pierich dà la scossa agli Sharks che si rifanno sotto nel punteggio. Il capitano diffonde tranquillità nei suoi giovani compagni e gli abruzzesi ne beneficiano, e con un parziale imponente di 17-0 si riprende la testa della gara. Treviglio è in bambola ed in rottura prolungata. Il pressing comandato da coach D’Arcangeli dà più di qualche noia agli avversari, che non riescono più a trovare fluidità nei giochi d’attacco e soprattutto non trovano più il tiro dai 3 punti, sistematicamente bloccato da Rodriguez and company. Gli Sharks non mollano la presa e a fine primo tempo vanno sul +11 (49-38), grazie soprattutto alla positiva verve di Lazar Nikolic e Person.

Al rientro dagli spogliatoi Sherrod fa ancora la voce grossa sotto canestro e Roseto continua a martellare nel pitturato. La Remer, invece, continua a sbagliare dai 6.75 e gli Sharks ne approfittano per correre in contropiede ed issarsi a +19 sugli avversari. Coach Vertemati predica concentrazione e i suoi, seppur con una montagna da scalare, non perdono il filo del discorso e grazie a Borra e Caroti rosicchiano punti su punti ad una Roseto, forse, troppo a corrente alternata nel finale di terzo quarto. Torna quindi a -9 la squadra lombarda, che rimette in piedi la gara.

Nell’ultimo quarto ancora Borra, con una tripla, fa tremare il PalaMaggetti e i suoi tifosi. Complice anche il 4° fallo di Pierich e Person, Treviglio trova nuova linfa per tornare fino a -6 e rimettere la partita sui binari dell’equilibrio. La Cimorosi fa fatica ma, con voglia e carattere, dà un’ulteriore spallata agli avversari, tornando a +10 grazie al terzetto composto da Akele, Sherrod e Person. Soprattutto quest’ultimo, nel finale, con canestri ad alto coefficiente di difficoltà mostra la strada del paradiso ai suoi per fare proprio gara-3.

ROSETO 83 TREVIGLIO 73

Parziali: 20-25; 49-38 (29-13); 69-60 (20-22); 83-73 (14-13).

ROSETO: Person Jr. 25, Bayehe ne, Rodriguez 6, Ianelli, Canka, Cocciaretto ne, Giordano, Eboua, Sherrod 20, Akele 11, Pierich 10, Nikolic L. 11. All.: D’Arcangeli

TREVIGLIO: Nikolic M. 15, Reati 9, Caroti 16, Tiberti, Roberts 7, Tourè ne, Borra 21, Siciliano ne, Belotti ne, D’Almeida 2. All.: Vertemati

Roseto - Tiri da 2: 31/50. Tiri da 3: 3/14. Tiri liberi: 12/18. Rimbalzi: 31 (23+8).

Treviglio - Tiri da 2: 16/30. Tiri da 3: 10/24. Tiri liberi: 11/11. Rimbalzi: 29 (23+6).

MVP: Wesley Person Jr. – Da un po’ di partite da oltre l’arco non riesce più ad essere incisivo e da giocatore intelligente qual è, oggi, si sposta di qualche metro più avanti per ferire, in continuazione, la Remer dalla media distanza. I difficili canestri nell’ultimo quarto lo ergono a hombre del partido e Roseto, grazie alla sua guardia, riesce a scacciare indietro i tentativi di riaggancio degli avversari. PRECISO

Photo Credits: Daniele Capone

Mantova vince G2 e pareggia la serie. Bergamo cade 92-93 all’overtime.
Treviglio sbanca il PalaMaggetti e conquista Gara 5.