Virtus Roma, colpaccio Nic Moore nel giorno di San Pietro e Paolo.

29.06.2018 16:03

a cura di Edoardo Caianiello

One M(o)ore: arriva il secondo colpo (dopo Daniele Sandri) targato Virtus Roma 2018/2019, un vero e proprio regalo, che arriva nel giorno di San Pietro e Paolo, festività per la città di Roma. Nic Moore, questo il nome e cognome all’anagrafe della novità capitolina, direttamente dalla A1, provenienza Brindisi dove ha chiuso la stagione passata 13 punti e 3.8 assist di media.

Un grande colpo, poco da aggiungere, non solo per le caratteristiche tecniche del giocatore ma anche e soprattutto per il cambio di tendenza che rispetto agli scorsi anni rappresenta in termini di mercato, e che davvero lascia ben sperare i tifosi, subito pronti a battere le mani dinanzi all’arrivo dell’ex allievo di Larry Brown ed oggi di nuovo di Piero Bucchi, che si presume tanto merito abbia nella buona riuscita della trattativa.

Mercato. Ufficiale dunque Moore ed il Sandri Ter (sarà infatti per il giocatore la terza apparizione in maglia romana) si continua a lavorare nella costruzione della squadra. Il rinnovo di Landi sembra davvero essere in dirittura d’arrivo, e se si dovessero risolvere dei dettagli (ancora in sospeso) sembrerebbe davvero prossima anche la buona riuscita che dovrebbe legare Santiangeli alla Virtus Roma. In alternativa si monitora il profilo di Andrea Saccaggi, provenienza Latina, come riportato anche dalla newsletter Spicchi D’Arancia e non ci si dimentica di Rullo, bloccato dalla volontà di Cagliari di non perderlo (viste anche le cinque retrocessioni del prossimo anno) e da un buyout da onorare.

Ora si punterà tutto sul lungo americano da consegnare a Bucchi. E la volontà, un sogno per certi aspetti, sembrerebbe puntare verso un ex Virtus Bologna: il nome sarebbe quello di Kenny Lawson che però ha alte richieste e corteggiatrici anche dalla A1, una trattativa obiettivamente difficile. Ma questo sembra non bloccare le intenzioni della Virtus Roma che sembrerebbe davvero decisa nel puntare verso un giocatore, la cui eventuale firma significherebbe creare un asse play-pivot di livello assoluto. Tommaso Baldasso e Massimo Chessa dalla panchina due armi che non si possono non tenere in considerazione.

Campo di gioco. Filtra stupore (nemmeno troppo) in merito a quanto uscito sulla newsletter “Spicchi D’Arancia” nella serata di lunedì: “Intanto la dirigenza del club ha effettuato un sopralluogo a Frosinone che viene considerata come possibile sede delle partite casalinghe se l'accordo triennale con il PalaLottomatica recentemente annunciato dovesse saltare o anche in caso di eventuali indisponibilità dell'impianto cittadino”. Non sembrerebbe davvero in dubbio il PalaEur come campo di gioco, anzi da quel che risulta sarebbero già state bloccate dalla dirigenza la maggior parte delle date, ne rimarrebbero in “ballo” solamente due che però con la collaborazione degli organi preposti non si dovrebbe avere difficoltà a sistemare.

Social. Non solo il PalaLottomatica, non solo Sandri e Nic Moore. C’è una Virtus Roma nuova anche sui social
network che risponde con ironia, presenza e piglio ai commenti dei suo tifosi sui post emanati attraverso social network. Di certo, un gesto (come può essere la firma di Moore) meritevole solo di approvazione e di sincero e favorevole stupore.

@edoardocaia

LNP e Fastweb insieme per nuove tecnologie di cablatura.
La Effe comunica la rescissione consensuale con Boniciolli.