GIRONE OVEST

Agrigento vince 79-89 e impone il secondo k.o. consecutivo a Bergamo.

Sono sei gli uomini in doppia cifra per i siciliani. Ai padroni di casa non bastano i 23 punti di Taylor.

30.10.2018 01:00

a cura di Daniele Ronzoni

«Agrigento è la squadra che più mi ha impressionato fra quelle che ho visto fino ad ora». Sono queste le parole con cui coach Dell’Agnello ha descritto i ragazzi di coach Ciani al termine del posticipo della quinta giornata: al PalaAgnelli, infatti, la Fortitudo è uscita vittoriosa per 79-89, centrando la seconda vittoria consecutiva e imponendo il secondo stop alla BB14 dopo il derby con Treviglio.

I ragazzi di coach Ciani partono molto bene e, dopo un avvio combattuto, si portano avanti 7-15 grazie ad un parziale di 7-0 maturato con i canestri del duo Bell-Zilli. La BB14 impedisce agli ospiti di prendere il largo con un contro-parziale di 7-0 firmato da Taylor e Sergio, ma la tripla di Ambrosin porta coach Dell’Agnello a chiamare minuto. Al rientro in campo Roderick si sblocca realizzando il canestro del 16-17 ma i punti di Bell e Zilli tengono avanti Agrigento, che chiude il primo quarto col punteggio di 25-27 in proprio favore.

La seconda frazione si apre con un uno-due firmato Cannon-Pepe che porta Agrigento avanti di 7 lunghezze (25-32). Casella smuove il tabellone per i suoi e, aiutato da Zucca, permette alla BB14 di tornare a -1 (35-36). Ai canestri del duo USA Bell-Cannon risponde Benvenuti, perfettamente imbeccato dagli assist di Taylor e di Roderick; è poi lo stesso numero 8 giallonero a realizzare un canestro formidabile a 2’’ dalla fine, permettendo alla BB14 di andare negli spogliatoi in vantaggio 46-45.

I primi minuti di gioco dopo l’intervallo lungo sono all’insegna dell’equilibrio: Taylor, Zilli, Roderick e Ambrosin si rispondono colpo su colpo, ed è un canestro del numero 14 ospite a fissare il punteggio sul 56-56. Taylor realizza la tripla del nuovo vantaggio, ma dall’altro lato del pitturato Cannon ed Evangelisti portano Agrigento avanti di due punti (59-61) obbligando coach Dell’Agnello a chiamare minuto. L’interruzione serve però poco ai padroni di casa, che terminano il terzo quarto in svantaggio 62-64.

Avvio di ultima frazione combattuto se entrambi i fronti, con Evangelisti e Roderick sugli scudi. È una tripla di Pepe a chiudere il mini parziale di Agrigento, che si porta sul 66-72: Bergamo fatica non poco a rimbalzo contro la fisicità ospite e concede molte seconde palle agli avversari, che dal canto loro ringraziano e aumentano il divario fino ad arrivare al 71-79. A questo punto, prima Roderick forza il tiro e sbaglia, poi dall’altra parte del parquet Pepe realizza la tripla del 71-82 con il quale cala il sipario sulla partita. Gli ultimi minuti servono infatti soltanto a definire le statistiche: Agrigento porta sei uomini in doppia cifra (Bell, Cannon, Evangelisti, Ambrosin, Zilli e Pepe) e vince 79-89. Bergamo, invece, incassa il secondo k.o. stagionale.

Bergamo Basket 2014 79 – 89 M. Rinnovabili Agrigento (25-27, 21-18; 16-19, 17-25)

BERGAMO: Augeri (n.e.), Casella (7), Roderick* (18p + 11r + 9a), Bedini (n.e.), Taylor* (23), Fattori* (13), Zucca (7), Piccoli (n.e.), Sergio* (3), Marelli (n.e.), Benvenuti* (8), Zugno (0).

AGRIGENTO: Bell (13), Cannon (17p + 8r), Evangelisti (11), Cuffaro (n.e.), Sousa (2), Ambrosin (12), Guarglia (5), Zilli (13), Pepe (13), Fontana (3).

La Virtus passa al PalaBianchini! Baldasso regala il quarto successo ai romani.
Girone Est, il power ranking dopo le prime cinque giornate.