GIRONE EST

Treviso passeggia sugli Sharks tenendo il secondo posto ad est.

31.03.2019 21:16

a cura di Leonardo Mariano

La 27^ giornata sorride alla De’Longhi Treviso che batte agevolmente una Cimorosi Roseto, già incerottata e troppo arrendevole, con il risultato finale di 88-61, consolidando così il secondo posto in ottica playoffs.

Coach Menetti in pre-partita ha ordinato alta concentrazione e pallino del gioco in mano e i suoi non lo deludono, scandendo il ritmo della gara sin dai primi istanti, con tiri mortiferi dall’arco dei tre punti che incendiano la retina avversaria. Con Roseto che collassa dentro il pitturato, per togliere il punto centrale di riferimento, ovvero il totem Tessitori, Treviso gira palla in maniera egregia al fine di trovare l’uomo libero per comodi tiri che gli Sharks non possono contestare, allargando costantemente la forbice del punteggio tra le tue compagini, con Treviso che comanda 45-27 a fine primo tempo. La seconda metà del match è sulla falsariga del primo, con i trevigiani che non si fanno intimorire da qualche fiammata di Roseto, incrementando sempre di più il vantaggio e portando così in cascina i due punti in palio.

Dall’altra parte la Cimorosi Roseto, senza Nikolic e con altri a metà servizio in campo (Eboua e Pierich), non riesce ad impensierire i padroni di casa, perdendo la bussola e concedendo canestri facili. Inoltre troppe le palle perse e se il duo americano Sherrod-Person ha la mira storta, allora per gli Sharks la notte si fa ancora più buia. La voglia ai giovani biancazzurri di certo non manca, come dimostrano le più carambole conquistate nella lotta sotto i tabelloni, ma il livello tecnico di Treviso è ben più alto rispetto agli abruzzesi, che in difesa prendono spesso la targa dei veneti. Una sconfitta che, tuttavia, poteva essere messa in conto e quindi Roseto, già salva, si giocherà le sue chances di conquista playoffs nelle restanti 3 partite della regular season, sperando di recuperare al meglio tutti i suoi componenti.

TREVISO 88 ROSETO 61

Parziali: 26-16; 45-27 (19-11); 70-49 (25-22); 88-61 (18-12).

TREVISO: Logan 5, Imbrò 9, Alviti 13, Lombardi 9, Burnett 19, Tessitori 5, Sarto 5, Barbante, Saladini 2, Uglietti 5, Chillo 7, Severini 9. All.: Menetti

ROSETO: Person Jr. 9, Bayehe 4, Rodriguez 7, Ianelli 2, Penè 6, Cocciaretto, Giordano, Eboua 3, Sherrod 6, Akele 6, Pierich 13, Nikolic ne. All.: D’Arcangeli

Treviso - Tiri da 2: 15/30. Tiri da 3: 15/33. Tiri liberi: 13/14. Rimbalzi: 31 (22+9).

Roseto - Tiri da 2: 19/36. Tiri da 3: 5/20. Tiri liberi: 8/19. Rimbalzi: 41 (26+15).

MVP: Dominez Burnett – Il numero 2 è il primo a dare avvio alla marcia di Treviso su Roseto. Davanti agli scout NBA, arrivati per osservare Paul Eboua, è lui a prendersi la scena con una partita senza sbavature. Imbeccato sempre al bacio dai proprio compagni, non tradisce mai le loro aspettative. COSTANTE

Photo Credit: Michele Gregolin

La Virtus Roma torna al successo tornando a +2 su Capo d'Orlando.
Girone Est, i risultati e la classifica dopo la 28^ giornata.