Pari e patta nella prima tra Virtus Roma e Fortitudo Bologna.

28.04.2019 21:09

a cura di Edoardo Caianiello

Servirà la partita di ritorno per decidere chi sarà il campione d’Italia Dilettanti. Termina in parità il confronto tra Virtus Roma e Fortitudo Bologna, un match che le squadre giocano a testa e gambe libere ma che alla fine regala, in un giorno di festa, uno spettacolo piacevole al pubblico presente e festante. Mostruosa la prova di Henry Sims che si carica letteralmente la squadra sulle spalle e porta avanti con leadership e motivazione i suoi compagni fino alla fine dell’anno. Il tabellino per lui alla fine dice 20 punti, 12 rimbalzi e 37 di valutazione.

Appuntamento a Mercoledì, al PalaDozza di Bologna, che dopo il PalaEur, non può che essere la degna conclusione di una stagione da Serie A1.

LA PARTITA. C’è un clima di festa e da buon padrone di casa è Henry Sims ad aprire le danze con una schiacciata. Le due squadre vanno ad un ritmo controllato, segna Rosselli e poi per due volte Sims ma è la Fortitudo a condurre (6-10). Santiangeli va con la tripla che dopo un tiro libero vale la parità (10-10) e Landi prima e Sandri poi allungano (15-10). Il primo quarto si chiude 17-15 per Roma con il canestro di Chessa. Rosselli segna in apertura ma regna sovrano l’equilibrio con le squadre che si rispondono colpo su colpo, Delfino segna prima e poi ancora (22-22), e Mancinelli prova il mini allungo. Roma rimane là ed è un mostruoso Sims a caricarsi i suoi sulle spalle e li riporta avanti (32-29). Continua un gioco di sorpassi e contro-sorpassi ed il primo tempo si chiude con un canestro di Prandin (41-38). Sandri guida l’allungo Virtus Roma, è 47-40: Hasbrouck riporta i suoi sotto, ma Sims risponde immediatamente (49-45). Ancora equilibrio ma le squadre aumentano il tono muscolare ed alzano l’intensità, Baldasso dalla lunetta (1/3) chiude il terzo periodo. Santiangeli firma il vantaggio (66-64), arriva celere la risposta bolognese: Alibegovic, poi Leunen e poi il solito Sims (72-69). Si iniziano i viaggi in lunetta ma dopo un paio di brutti possessi è Bologna a tornare avanti con la tripla di Delfino (75-76), ma è una schiacciata di Alibegovic a chiudere i giochi, in parità, finisce 77-77.

VIRTUS ROMA – FORTITUDO BOLOGNA 77-77
Virtus Roma: Sims 20, Chessa 3, Sandri 12, Alibegovic 11, Baldasso 6, Landi 5, Moore 6, Lucarelli ne, Prandin 4, Spizzichino ne, Matic ne. All: Bucchi
Fortitudo Bologna: Delfino 16, Cinciarini 13, Mancinelli 5, Rosselli 12, Venuto 7, Benevelli ne, Pini ne, Leunen 14, Hasbrouck 10, Franco. All: Martino

Tortona regge fino al terzo quarto, poi è dominio BB14: finisce 85-76 per i gialloneri.
Roseto sbanca il PalaFacchetti dopo un overtime e ribalta il fattore campo.