GIRONE EST

Verona sbanca il PalaMaggetti all'ultimo tiro. Gli Sharks masticano amaro.

Quinta vittoria consecutiva per la Scaligera.

07.01.2018 22:24

 

a cura di Leonardo Mariano

Roseto perde di un punto 86-87 contro Verona, con un finale di gara non adatto ai deboli di cuore. La tripla di Lupusor che a 7 secondi dalla fine regala il vantaggio a Roseto di una sola lunghezza sembra quella della staffa, ma la squadra biancazzurra resta inerme a guardare il canestro, festeggiando e dimenticandosi di pressare Greene IV che in 6 secondi si invola e con un jump dalla media regala la vittoria agli scaligeri. Annullati, invece, i due punti del tiro della disperazione di Marulli, arrivati secondo la terna arbitrale oltre la sirena finale.

Festeggia giustamente Verona che ad inizio gara, con un 0-10 di parziale, mette subito in chiaro di non essere venuta in terra abruzzese in vacanza. Greene IV e un inaspettato Poletti si ergono a top scorer, indicando la strada del successo ai propri compagni. Soprattutto il lungo italiano ha mandato a scuola il dirimpettaio Ogide, giocando una partita ai limiti della perfezione.

Roseto che nei primi 10 minuti aveva testa pesante e gambe molli, è riuscita a rimettere in sesto un match iniziato malissimo, grazie a un primo quarto stratosferico di Carlino (13 punti) e di conseguenza restando attaccata a Verona per tutto il resto della gara. Ma nel momento clou dell’ultimo quarto, probabilmente a causa della stanchezza accumulata (rotazione a 7 per coach Di Paolantonio), Roseto perde di lucidità e concede a Verona troppi contropiedi facili, prendendo così un cospicuo vantaggio di 9 punti, prima di essere di nuovo raggiunta ma riuscendo, ugualmente, a vincere nel tribolato epilogo.

Se da una parte Roseto mastica amaro, dall’altra può ancora guardare con fiducia al raggiungimento dei playout, dato che Orzinuovi e Bergamo restano ancora a 2 punti di distanza.

TABELLINI

Roseto Sharks: Carlino 20, Casagrande 6, Contento 9, Zampini, Lusvarghi ne, Infante 8, Ogide 13, D’Eustachio ne, Lupusor 17, Fasciocco ne, Marulli 13, Di Bonaventura 2.

Tezenis Verona: Greene IV 27, Poletti 24, Palermo 10, Udom 6, Visconti 6, Amato 6, Jones 5, Dieng ne, Guglielmi ne, Ikangi, Nwohuocha, Totè 3.

La Junior Casale batte agevolmente una stanca Scafati.
Viola, ufficiale l'arrivo di Tommaso Carnovali.