GIRONE EST

Gli Sharks lottano, la Fortitudo fa suo il match dopo un supplementare.

06.01.2019 22:42

a cura di Leonardo Mariano

La Fortitudo Bologna espugna il PalaMaggetti con il punteggio finale di 89-85, al termine di una partita bella e tiratissima, sempre sul filo del rasoio, che ha avuto bisogno di un tempo supplementare per decretare il vincitore.

Fatale per gli Sharks l’ultimo mini-tempo giocato, che ha visto i ragazzi di coach D’Arcangeli in balia dei fortitudini, che hanno messo il turbo proprio nel momento cruciale della gara. Peccato per i padroni di casa, che hanno messo più di un granello di sabbia nell’ingranaggio della capolista, che ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per battere la freschezza e i muscoli dei biancazzurri. Troppo grande il parziale subito all’inizio del tempo supplementare, un fulmineo 0-11 di Bologna, per poter sperare di recuperare e far suo il match. Bravi comunque tutti gli Sharks, che hanno dimostrato ancora una volta di potersela giocare con tutti, anche con la prima della classe. Il difetto, se si può trovare, sta purtroppo nell’unico calo di concentrazione avuto nei 5 minuti supplementari, dove la Fortitudo ha azzannato la preda senza lasciarla più andare e in qualche scelta tecnica rivedibile, nei momenti clou.

Dall’altro canto, come detto, la Fortitudo ha subito l’aggressività degli Sharks, dovendo far ricorso a tutta la sua esperienza ed energia mentale per avere la meglio di una Roseto mai doma. Bravo coach Martino a non far scomporre i suoi e a seguire il ritmo degli avversari, cercando di calmare sempre le acque anche nei momenti in cui i padroni di casa sembravano avere l’inerzia dalla propria. E la risposta dei vari Hasbrouck, Rosselli e Fantinelli, nel supplementare, non è mancata. Possono sorridere, dunque, i tifosi della Effe, scesi in massa a Roseto, per rinnovare il gemellaggio con i rosetani, che invece vedono, ancora una volta, sfuggire la vittoria in un battito di ciglia.

ROSETO 89 BOLOGNA F. 95 dts

Parziali: 20-19; 41-39 (21-20); 64-62(23-23); 74-74 (10-12); 89-95 (15-21).

ROSETO: Person Jr. 26, Bayehe, Rodriguez 7, Ianelli, Cocciaretto ne, Eboua 8, Sherrod 15, Akele 8, Panopio, Pierich 17, Bushati 6. All.: D’Arcangeli

BOLOGNA F.: Cinciarini 12, Mancinelli ne, Rosselli 13, Venuto 3, Benevelli 10, Leunen 9, Hasbrouck 26, Pini 7, Fantinelli 15, Sgorbati ne, Prunotto ne, Simon ne. All.: Martino

Roseto - Tiri da 2: 17/36. Tiri da 3: 14/38. Tiri liberi: 13/18. Rimbalzi: 35 (25+10).

Bologna F. - Tiri da 2: 20/40. Tiri da 3: 8/25. Tiri liberi: 31/34. Rimbalzi: 38 (29+9).

MVP: Matteo Fantinelli – Il play italiano è la mente della Fortitudo. Con la sua esperienza e lucidità riesce a tenere ben salde le redini della sua squadra e le zero palle perse, in 37 minuti di gioco, ne sono la giusta dimostrazione. Insieme a Cinciarini ed Hasbrouck dà la spallata decisiva nel tempo supplementare, issando la Effe a +6 sulle seconde inseguitrici. COMANDANTE

Photo Credits: Cusano Photo

Nessuna distrazione per la Virtus Roma. Legnano KO.
La Virtus Cassino "gela" la Virtus Roma.