Bergamo, il futuro è la Serie A2. Fumata bianca del presidente Lentsch.

26.06.2018 22:50

a cura di Daniele Ronzoni

«Bergamo va avanti e sono convinto che sarà più forte di prima». Sono state queste le parole con cui il presidente della Bergamo Basket 2014 Massimo Lentsch ha confermato la fumata bianca relativamente alla prosecuzione dell’attività sportiva per la stagione 2018-2019. Nel corso della conferenza stampa svoltasi martedì 26 giugno all’interno del Winter Garden Hotel di Grassobbio, il presidente giallonero ha dichiarato: «Per la prima volta nella mia vita sono stato in difficoltà e non sapevo cosa fare: non è stata una decisione semplice. Sono state ore di profonde riflessioni ma alla fine ho deciso di proseguire con questo progetto: sono uno che non molla, e assieme ai miei soci (Marco Bonassi, Maurizio Giacometti e Sergio Zonca, ndr) abbiamo deciso di caricarci nuovamente sulle spalle questo zaino. Non lo faccio per apparire ma piuttosto per un profondo senso di appartenenza a Bergamo: questa città non può permettersi di perdere la possibilità di giocare la Serie A2».

Nel corso della conferenza stampa il presidente Lentsch ha sottolineato la propria amarezza riguardo l’assenza di nuovi imprenditori interessati ad entrare nel CdA: «Bergamo ha risposto in maniera assente a tutti gli appelli fatti: non è possibile che in questa città non ci siano imprenditori interessati ad un progetto come il nostro che si è dimostrato vincente. Ci siamo dati tutti da fare, siamo rimasti in A2 e abbiamo riempito il palazzetto, eppure tutto ciò non è bastato. Sono qui da solo ma non mi interessa perché andrò avanti lo stesso, e cercherò di far capire alle aziende quanto sia per loro utile portare il loro brand nel basket».

Riguardo la rosa e riguardo le sedie rimaste vuote all’interno della società, invece, Lentsch ha affermato: «L’addio di Ferencz è dispiaciuto a tutti ma gli auguro un grosso in bocca al lupo. Sacco, invece, aveva un contratto con noi fino al termine di stagione e l’ha rispettato. A breve confermeremo il nuovo General Manager, ed entro fine settimana sarà il turno dell’allenatore. A quel punto andremo a formare la rosa: abbiamo solo un biennale con Cazzolato con un’escape che verrà esercitato entro il 30 giugno, e per il resto non abbiamo nessuno sotto contratto. Ci sono nomi sui quali ci piacerebbe puntare – come Ferri e Bozzetto – ma decideremo tutto con i nuovi soci e con GM e coach». Nel roster bergamasco mancherà sicuramente Marco Laganà, da poco annunciato come nuovo playmaker dell’OraSì Ravenna.

Jesi, ufficiale l'arrivo di Leonardo Totè.
Cagliari, Rovatti prolunga con la Dinamo.