GIRONE OVEST

Nick Moore scrive 34! La Virtus Roma ritrova la via del successo ad Agrigento.

16.12.2018 21:10

a cura di Edoardo Caianiello

La vittoria della Virtus Roma ha un nome ed un cognome: Nick Moore. Il folletto americano termina l’incontro con 34 punti (in 35 minuti), con 5/6 da due, 5/8 da tre, 9/9 ai liberi, 5 rimbalzi, 6 assist ed appena 45 di valutazione, a suggello di una prova dominante che vale per i romani due punti d’oro dopo due sconfitte che avevano un po’ annebbiato il cielo della Capitale nelle scorse due settimane. Bella anche la prova di Tommaso Baldasso (12 punti) che nonostante qualche momento difficile è sempre stato bravo a recuperare gli errori con canestri di grande pesantezza all’interno dei quaranta minuti di gioco. Vittoria importante per Roma che non solo si riprende dopo le sconfitte con Rieti e Siena ma che consegna nuova benzina nel motore dei ragazzi di Bucchi che ora ospiteranno Treviglio nella prossima giornata, prima tappa di un calendario “favorevole” che culminerà il 31 Gennaio, quando ci sarà il derby di ritorno con l’Eurobasket: otto partite di cui cinque tra le mura del Palazzo dello Sport dell’Eur che la Virtus non può farsi sfuggire.

LA PARTITA. Parte bene Roma che si affida ai canestri di un “pronto” Santiangeli che con cinque punti consecutivi porta avanti gli ospiti ma è Lorenzo Ambrosin a piazzare due triple di carattere che segnano sul tabellone il punteggio di 9-15 per i capitolini. Si alzano i ritmi del motore di Moore che con l’ausilio di Sims chiude i primi dieci minuti sul 24-16 per Roma. Agrigento ci mette il Pepe e l’esterno di casa Moncada segna per i siciliani che sfruttano il calo di concentrazione degli ospiti che perdono tre palloni di fila e permettono ad Agrigento di tornare a contatto (31-33). Si alza di ritmo l’incontro e le squadre si rispondono canestro dopo canestro, Pepe e Moore chiudono il primo tempo sul parziale di 43-49.

Agrigento non ci sta e nel terzo quarto trova la parità con Jalen Cannon che firma il 51-51 ma Roma rimane concentrata e guidata dal miglior Moore di stagione si riporta avanti con i canestri dalla lunetta. Cannon è l’uomo in più per Franco Ciani, Sims la sicurezza sotto canestro per Bucchi ma è ancora una volta Pepe a chiudere il quarto, con tre tiri liberi per un fallo subito: dopo trenta minuti è 62-65.  Moore si carica la Virtus Roma sulle spalle ed una sua tripla prima ed una di Landi poi danno l’allungo agli ospiti che si portano, con l’aiuto di Sims, sul 75-64. Roma si addormenta e perde due palloni velenosi, Ambrosin e Bell ne approfittano ed è 72-77. Moore è incontenibile, Baldasso si fa perdonare la palla persa in precedenza e con due triple Roma è avanti di dieci lunghezze (73-83). Ci prova Pepe nel finale ma Moore mette la parole fine al match: termina 83-87 per la Virtus Roma.

MONCADA AGRIGENTO – VIRTUS ROMA 83-87
Fortitudo Agrigento: Evangelisti, Bell 11, Pepe 15, Sousa 20, Guariglia, Fontana 5, Cannon 19, Ambrosin 13, Cuffaro ne, Zilli, Nicoloso ne, Trupia ne. All: Ciani
Virtus Roma: Moore 34, Chessa 1, Saccaggi 3, Sandri 9, Santiangeli 4, Alibegovic 4, Sims 17, Baldasso 12, Landi 3, Lucarelli ne. All: Bucchi

Girone Est, risultati e classifica dopo la 12^ giornata
Treviso passa anche al PalaMaggetti. Settima vittoria in fila per la De Longhi!